Richard Jewell | Recensione

C'è una bomba al Centennial Park. Avete solo trenta minuti di tempo. Il mondo viene così a conoscenza di Richard Jewell, una guardia di sicurezza che riferisce di aver trovato il dispositivo dell'attentato dinamitardo di Atlanta del 1996. Il suo tempestivo intervento salva numerose vite, rendendolo un eroe. Ma in pochi giorni, l'aspirante alle forze dell'ordine diventa il sospettato numero uno dell'FBI, diffamato sia dalla stampa che dalla popolazione, assistendo al crollo della sua vita.



Anno: 2019

Regia: Clint Eastwood

Attori: Sam Rockwell, Olivia Wilde, Jon Hamm, Kathy Bates, Paul Walter Hauser, Nina Arianda, Ian Gomez, Deja Dee, Wayne Duvall, Mike Pniewski, Mitchell Hoog, Niko Nicotera, Billy Slaughter, Dylan Kussman

Paese: USA

Durata: 129 min

Distribuzione: Warner Bros. Pictures

Sceneggiatura: Billy Ray

Fotografia: Yves Bélanger

Montaggio: Joel Cox

Musiche: Arturo Sandoval

Produzione: 75 Year Plan Productions, Appian Way, Misher Films, The Malpaso Company, Warner Bros.


Recensione:

Data di uscita in Italia :16 gennaio

Voto: 8,5/10

Genere🎬: drammatico

Pro🔝: Atlanta, Olimpiadi 1996. Durante una manifestazione al Centennial

Olympic Park, la guardia di sicurezza Richard Jewell trova una bomba e riesce ad

evitare una strage. Richard ha trentaquattro anni, vive con la madre, è sovrappeso,

soffre di diabete e da poco ha perso il posto come vicesceriffo della contea. Il

momento che avrebbe potuto consacrarlo come eroe nazionale, diventa invece

l’inizio di una parabola discendente. Secondo l’FBI e i media, Jewell, uomo che

dalla vita ha ricevuto meno di quanto abbia dato, corrisponde perfettamente al

profilo dell’attentatore per fama.

«Basta un po’ di potere per fare di una persona un mostro». Questa battuta

pronunciata dall’avvocato Watson Bryant (memorabile performance di Sam

Rockwell), nonostante venga pronunciata all’inizio della pellicola, sembra

racchiudere la morale dell’intero caso Jewell. La contrapposizione è tra un uomo

onesto che compie bene il suo lavoro e il governo che abusa del proprio potere,

insieme alla stampa, per creare una storia fittizia utile solo a distruggere la

reputazione di un eroe americano e a mascherare l’inefficienza dei federali stessi.

Ancora una volta, come in Sully, l’individualismo si trova costretto a scontrarsi

con la macchina del potere.

L’obiettivo principale di Eastwood in questa pellicola è riscattare Jewell e

denunciare la facilità con cui in America le storie vengono costruite e vendute per

trovare a tutti i costi, a seconda dei casi, lo scoop o il colpevole. Per riuscirci era

necessario che il regista scomparisse per lasciare spazio ai suoi personaggi. Come

di consueto nella sua cinematografia, Eastwood è guidato dalla volontà di

documentare la realtà dei fatti limitando i preziosismi nelle riprese che, non per

questo, risultano prive di pathos: nei momenti immediatamente successivi

all’esplosione, per esempio, le inquadrature si abbassano al livello della

sanguinante folla in ginocchio, quasi a portare lo spettatore all’interno di quel

momento così concitato e renderlo partecipe della loro sofferenza.

Se la storia (quella vera) di Richard Jewell arriva al pubblico con una

potenza inaudita, il merito è, soprattutto, delle performance attoriali. Il

protagonista è interpretato da Paul Walter Hauser, un nome assolutamente nuovo

che riesce a prendersi la scena con una recitazione sopra le righe e alcune battute

del copione che lo delineano come un bonaccione un po’ ingenuo a cui non si può

non voler bene. Attrice già avvezza ai riflettori di Hollywood è la pluripremiata

Kathy Bates, nei panni della madre di Richard; la candidatura all’Oscar come

migliore attrice non protagonista è il meritato riconoscimento ad una performance

memorabile.

Contro❌: In America la pellicola è stata accolta dalla critica con qualche

freddezza di troppo dovuta alla rappresentazione dei cattivi nel film: Eastwood si

scaglia a briglie sciolte contro l’inettitudine del FBI e la falsità della macchina

mediatica ma tutti i personaggi che rappresentano queste istituzioni sono preda

degli stereotipi e di tutto ciò che è contrario all’indole buona di Richard Jewell.

La giornalista Katy Scruggs, interpretata da Olivia Wilde, è il classico

stereotipo di donna che ha fatto carriera con aiuti e favori, gentilmente concessi

in cambio del proprio corpo contro cui le femministe sono ancora costrette a

battersi. È proprio il momento in cui la Scruggs chiede all’agente Shaw

informazioni sulle indagini in cambio di un rapporto, ad essere sotto la lente di

ingrandimento di critica e pubblico. Il giornale in cui scriveva e un’autorità come

Vanity Fair hanno preso le parti della giornalista, chiarendo che non ci sono prove

della veridicità di ciò che viene raccontato nel film. Certamente Eastwood non

aveva la sicurezza che ciò fosse davvero accaduto e ha strumentalizzato il

personaggio per enfatizzarne gli aspetti negativi, il che risulta essere moralmente

ingiusto già solo per il fatto che la giornalista, morta nel 2001, non è più in grado

di difendersi.

In un’opera che racconta di una storia vera, il confine tra realtà e finzione

cinematografica è più labile del solito e la contaminazione tra questi mondi a volte

può creare questo genere di polemiche. I giudizi di ordine morale non possono e

non devono tuttavia influire in alcun modo sul giudizio riguardo la qualità di un

film; l’approssimazione con la quale sono tratteggiati i personaggi negativi è però

sotto gli occhi di tutti e finisce per rappresentare l’unica macchia in un progetto

che riesce, grazie ad una regia essenziale ma efficace e ad un cast in grande

spolvero, a fare centro negli spettatori e a descrivere ombre e luci di un’America

in cui il singolo cittadino deve guardarsi, ora più che mai, dai soprusi dei potenti.

Recensione a cura di Matteo Angelica

#nowinthecinema @now.in.the.cinema #richardjewell #film #Jewell #fbi #attentato #crime #Eastwood #sully #biografico #pellicola #newspaper #giornalisti #rockwell #nowrecensioni #thespacecinema #cinema #movie #recensioni #oscar #movies #instagram #follow #cinefili #ilovecinema #ilovefilm

0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Voto del pubblico: 

Dì anche la tuaNon mi piaceCosì cosìPiacevoleFantasticoCapolavoroDì anche la tua