LUNA PARK | RECENSIONE DELLA NUOVA SERIE ITALIANA NETFLIX

Grazie a Netflix, abbiamo avuto modo di vedere in anteprima la nuova serie italiana ‘’Luna Park’’. Ambientata a Roma nel 1962, seguiamo la storia di Nora, una giovane giostraia che, insieme alla sua famiglia, gestisce il luna park della città. Tutto cambia dopo l’incontro con Rosa, una giovane figlia di borghesi, che stravolgerà per sempre la vita di Nora. Ecco la nostra recensione della serie, senza spoiler.

Stagioni: 1

Puntate: 6

Anno: 2021

Regista: Leonardo D’Agostini, Anna Negri

Attori: Simona Tabasco, Lia Grieco, Guglielmo Poggi, Paolo Calabresi, Fabrizia Sacchi, Edoardo Coen, Alessio Lapice, Milvia Marigliano, Tommaso Ragno, Ludovica Martino

Paese: Italia

Durata: 49-55 min

Distribuzione: Netflix

Sceneggiatura: Isabella Aguilar

Fotografia:

Montaggio:

Produzione: Fandango

_______________________________________________________________________________________________


RECENSIONE

Data d’uscita in Italia: 30 settembre 2021 (Netflix)

.

.

Voto: 6,5

.

.

Genere: drammatico, commedia

.

.

Questa nuova serie parte dal presupposto di avere un buon e originale tema di base, un tema decisamente diverso rispetto ai prodotti italiani degli ultimi anni. Ricco di potenziale, il problema fondamentale sta proprio nella sceneggiatura, che ribalta questo potenziale e non lo sfrutta al massimo e, invece che rischiare, indagare e sviluppare le nuove caratteristiche poste sin dai primi due episodi, cade nel banale con solite ripetizioni e cliché alquanto non necessari. Ci troviamo davanti ad una serie dal carattere ambivalente, con caratteristiche positive e da elogiare, ma anche con elementi negativi, che tolgono alla storia raccontata quella magia che era destinata ad avere.

Tra i lati positivi abbiamo varie cose, una su tutte l’ambientazione. Ci troviamo catapultati negli anni ’60, più precisamente nel 1962, ossia nel pieno degli anni della ‘’Dolce vita’’, e le scenografie contribuiscono alla creazione di questa magia perfettamente rappresentata: giostre, luci, e una frivolezza che era necessaria alla storia raccontata. Il tutto migliorato dall’aggiunta di una piccola, ma ugualmente importante, sottotrama, il cui filo conduttore è quello del cinema. Si tratta quindi di elementi molto originali e diversi dal solito. La suspense c’è e poteva costituire un elemento di forza di questa serie, ma lo risulta solo in parte; in alcune situazioni è gestita bene, lasciando il giusto spazio all’evento a cui si era intenzionati assegnarla, mentre in alti casi è frettolosa, e non è nella giusta misura, e la situazione viene ‘’risolta’’ nel minor tempo possibile.

Parlando sempre di sottotrame, sono state in un numero troppo elevato. Alcune che non portavano da nessuna parte, e altre invece, magari importanti alla narrazione principale, che sono state messe in secondo piano, oppure addirittura dimenticate nel corso del discorso. Questo dovuto al fatto, che in alcuni casi, era come se ci trovassimo di fronte a concept diversi ma raccontati nella stessa serie. Le sottotrame hanno creato nello spettatore una serie di domande, alla quale lui vuole ottenere risposta, ma che purtroppo, nella maggioranza dei casi, non avrà. Come il finale, molto, forse troppo, aperto. I sei episodi di cui questa prima stagione è composta, sono troppo pochi per raccontare una storia, che sarebbe stata più bella ed esaustiva, se gli episodi fossero stati in quantità maggiore.

I personaggi sono pochi ma buoni, con ognuno delle caratteristiche proprie. Quelli di Rosa e Nora, le due protagoniste, sono quelli più interessanti e meglio strutturati e sviluppati tra tutti. Sono entrambe determinate a voler risolvere una situazione che è molto più grande di loro, e nonostante la disapprovazione che ottengono con le loro decisioni, non si abbattono e si sanno rialzare più forti di prima, riuscendo, in un modo o nell’altro, ad ottenere ciò che vogliono, superando in molte situazioni le loro stesse paure. Per quanto riguarda gli altri protagonisti, Giggi, Matteo e Simone, dicono poco, non si riescono ad inquadrare molto bene e non gli viene affidato il giusto spazio.

Per poter valutare voi stessi questa serie e scoprire quello che riserva, tutti gli episodi della prima stagione di ‘’Luna Park’’ saranno disponibili nel catalogo di Netflix a patire dal prossimo 30 settembre.

0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Voto del pubblico: 

Dì anche la tuaNon mi piaceCosì cosìPiacevoleFantasticoCapolavoroDì anche la tua