Glass onion-knives out, un nuovo caso per l’investigatore Benoit Blanc

Dopo il successo di “cena con delitto - knives out” nel 2019, Rian Johnson torna con “glass Onion-knives out” presentato al Toronto International film Festival il 16 Ottobre 2022. La pellicola acquistata da Netflix sarà disponibile sulla piattaforma a partire dal 23 Dicembre e al cinema, per una sola settimana, a partire dal 23 Novembre.



Regista: Rian Johnson

Genere: Commedia, Giallo, Drammatico Anno: 2022

Durata: 139 min

Distribuzione: Netflix

Fotografia: Steve Yedlin

Musiche: Nathan Johnson


Voto recensione:8


Dopo il lungo periodo di quarantena causato dal Covid, il miliardario Miles Bron decide di invitare un gruppo di amici di vecchia data a spendere un weekend da sogno sulla sua isola privata. L’invito per questo soggiorno paradisiaco viene confezionato all’interno di una scatola che verrà aperta solo risolvendo piccoli enigmi. A ricevere la scatola, è anche l’investigatore Blanc che sarà chiamato a spendere il weekend con il gruppo, decisamente stravagante ed eterogeneo. Per intrattenere i suoi ospiti, Miles decide di organizzare una “cena con delitto” con l’obiettivo di inscenare il proprio finto omicidio e lasciare nelle mani degli invitati il compito di smascherare il responsabile.

Questo soggiorno si trasformerà in incubo quando un membro del gruppo perderà la vita. A risolvere il caso sarà “il detective migliore del mondo”, Mr. Benoit Blanc.

Recensione:

Con “Glass Onion” sembra che Rian Johnson voglia alzare l’asticella presentandoci un prodotto sicuramente diverso dal precedente. Non è pensato esattamente come sequel in quanto la storia si presenta come fine a se stessa, il punto di congiunzione con il primo è rappresentato solamente dall’investigatore.

Nella “puntata precedente” vi era la presenza di un cast importante, questo punto di forza non viene smentito nemmeno nel secondo film proponendoci, per citarne alcuni, attori del calibro di: Kate Hudston, Edward Norton, Ethan Hawke (anche se in piccola parte) ed il doveroso Daniel Craig.


I personaggi ci vengono presentati in pillole, il necessario per far sì che lo spettatore si orienti all’interno della vicenda; un’enorme differenza rispetto al primo capitolo dove gli intrecci famigliari costituiscono il vero punto di forza. Cambia anche la scrittura dei personaggi stessi che talvolta sembrano essere delle caricature di se stessi. Ciò che accomuna i 7 invitati alla “cena con delitto” è il fatto di non essere del tutto sinceri gli uni con gli altri e di possedere una notevole somma di denaro. La scelta di coinvolgere persone appartenenti a questo status sociale richiama alla memoria una strategia narrativa consolidata, come quella utilizzata da Östlund in “Triangle of sadness”. Parte del piacere è sapere che i benestanti stanno per ottenere la loro punizione. Ci spostiamo dall’abitazione claustrofobica nei pressi di Boston, e sbarchiamo su un’isola greca conquistata dalla sfarzosa villa di Miles. La scelta di utilizzare molte riprese all’esterno delinea una fotografia che visivamente non delude e insieme all’ironia della pellicola aiuta la visione dei 139 minuti che non risultano essere pesanti. Anche la colonna sonora scandisce le sequenze dell’indagine di Blanc e riproduce delle

melodie che riprendono il mistero che aleggia nel corso della pellicola.

Il secondo film di Johnson si presenta come un “giallo a strati” che a differenza del precedente non è semplicemente “un caso con un buco lì nel mezzo... una ciambella”. I punti da ricollegare sono tanti in questo whodunit, effettivamente tutto torna anche se verso il finale la trama inciampa. Entrambi i “knives out” infatti si presentano come un caloroso omaggio al genere giallo ma in “glass onion” alcuni colpi di scena possono risultare prevedibili lasciando così lo spettatore con l’amaro in bocca. Nonostante l’incipit nella parte centrale del film il ritmo rallenta lasciando spazio ad un finale che conclude una pellicola che punta decisamente molto sull’elaborazione della trama ma che a tratti poteva concentrarsi maggiormente sui plot twist.


Glass Onion - knives out” è un film che riesce a strappare una risata anche nella tensione propria del genere a cui appartiene. Se vi ha entusiasmato il primo capitolo, il secondo sarà un cluedo a cui vi piacerà giocare.



0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Voto del pubblico: 

Dì anche la tuaNon mi piaceCosì cosìPiacevoleFantasticoCapolavoroDì anche la tua