Eurovision Son Contest - la storia dei Fire Saga | Recensione

Húsavík,Islanda. Lars Erickssong è un musicista che forma il duo dei Fire Saga insieme all’amica di sempre Sigrit Ericksdóttir, innamorata di lui senza essere corrisposta. Sin da bambino, Lars coltiva il sogno di partecipare all’Eurovision Song Contest, ma in questo viene osteggiato dal padre Erick, un pescatore, vedovo da molti anni, che detesta l’Eurovision e vorrebbe che il figlio seguisse le sue orme.

Regia:David Dobkin

Attori:Will Ferrell, Rachel McAdams, Dan Stevens, Mikael Persbrandt, Pierce Brosnan, Ólafur Darri Ólafsson, Melissanthi Mahut, Johan Johannsson, Demi Lovato, Graham Norton

Paese:USA

Durata:123 min

Distribuzione:Netflix

Sceneggiatura:Will Ferrell, Andrew Steele

Fotografia:Danny Cohen

Montaggio:Greg Hayden

Musiche:Atli Örvarsson

Produzione:European Broadcasting Union (EBU), Gary Sanchez Productions, Gloria Sanchez Productions, Netflix, Truenorth Productions


Recensione: Data di uscita in Italia: 26 Giugno 2020 • • Voto: 5/10 • • Genere️: musicale, commedia

• • Pro🔝: circa un paio di settimane fa, abbastanza in sordina, è uscito il nuovo film originale Netflix "Eurovision Son Contest - la storia dei Fire Saga" e, nel corso degli ultimi giorni, sta riscuotendo un buon numero di visualizzazioni tanto che si trova stabilmente nella top 10 dei prodotti più visti. Il più delle volte, purtroppo, i film originali Netflix non sono ottimi, anzi tutt'altro e, anche in questo caso, nonostante sia evidente il maggior impegno e la maggior autorialità, la pellicola ha dei difetti evidenti. Partendo da ciò che ci ha maggiormente convinto, bisogna citare le tematiche trattate. Oltre al tema dell'inseguire i propri sogni, sia amorosi che artistici, che ovviamente non sono affatto originali, è molto più interessante soffermarsi sul sottotesto della pellicola perché è la parte meglio trattata dell'intera produzione. Innanzitutto la grandissima inclusività che il film comunica, in maniera sottile ma continua così da arrivare al maggior numero di persone. Infatti, ad esempio, in alcune delle scene musicali, sono stati coinvolti molti artisti internazionali assolutamente fuori dagli schemi come bellezze anticonvenzionali oppure omosessuali/transgender. Inoltre si sono fatti nomi espliciti nei confronti di Paesi poco aperti nei confronti di omosessuali. Ciò, però, non si limita al film perché il cast stesso è multietnico, infatti troviamo americani, europei e latini. Il secondo tema su cui si concentra il lungometraggio è una critica nei confronti dello stesso popolo americano e del suo atteggiamento "spocchioso" e poco rispettoso nei confronti dell'Europa e dei suoi abitanti. Il secondo pregio del film, probabilmente perché il lungometraggio gira intorno proprio a questo aspetto, è la colonna sonora. Infatti, nonostante le canzoni originali siano poche se consideriamo questa pellicola una specie di musical, tutti i brani, sia quelli più stravaganti che quelli più introspettivi, rimangono nella testa dello spettatore. Principalmente le composizioni sentimentali sono molto più profonde e toccanti e si potrebbe rimanere abbastanza sconvolti se paragonate all'atmosfera delle vicende. Infine, purtroppo, l'ultimo elogio va alla regia. Se, durante le scene "normali" ci si trova davanti ad un tipo di regia funzionale ma nulla di più, durante le scene musicali il regista David Dobkin (autore di altre commedie cult come "2 single a nozze") riesce, attraverso un'alternanza di inquadrature lontane e vicine, a comunicare appieno la forza del testo.

Contro❌: purtroppo il film cade proprio nel suo ipotetico punto di forza, ovvero l'aspetto comico. Infatti le battute, i dialoghi e alcuni incontri stravaganti non sono praticamente mai divertenti, a parte rarissimi casi. Questa problema si intreccia come un nodo all'altra grande pecca presente nel lungometraggio, cioè la caratterizzazione dei personaggi. Il problema principale consiste che oltre il 50% dei personaggi presentati, principali e secondari, nel corso del film sono sopra le righe e imprevedibili. Infatti non esiste una vera e propria caratterizzazione dei personaggi in molti casi, siccome la loro unica caratteristica è essere strano. A causa di ciò, i due protagonisti, interpretati da Will Ferrel e Rachel McAdams, nel momento in cui si comportano in maniera stravagante, sono poco divertenti siccome, appena prima, c'è stato sicuramente una situazione strana. Questo è un grande peccato perché, tutto sommato, i due attori hanno avuto un buon feeling nel corso delle quasi due ore che compongono il film. Nonostante la buona alchimia, però, la recitazione degli attori non è stata eccezionale. Purtroppo, gli interpreti hanno dovuto interpretare in maniera il più caricaturale possibile i personaggi e la recitazione ne ha risentito parecchio, tenendo conto che si tratta di due attori di primo livello. Inoltre, spesso ma principalmente nella parte centrale, ci sono battute e riferimenti espliciti a dinamiche sessuali e parti intime molto infantili e assolutamente inutili al contesto generale. La durata è assolutamente un altro difetto. La pellicola dura pochi minuti meno di due ore e sembrano non finire più. Ciò succede principalmente per due motivi: certamente la sceneggiatura e la caratterizzazione dei personaggi ma anche la riproposizione delle stesse dinamiche, più o meno uguali, che non aggiungono nulla allo sviluppo dei rapporti. Proprio per mantenere una durata simile, sono state aggiunte scene assolutamente irrealistiche e inspiegabili, anche per gli standard comici di "Eurovision Song Contest". In conclusione, sicuramente non si tratta di un film terribile (Netflix ha prodotto film decisamente peggiori, soprattutto riferiti ai ragazzi), infatti siamo riusciti a trovare alcuni aspetti positivi, ma sinceramente vi consigliamo di vederlo solamente se avete molto tempo libero a disposizione, altrimenti è meglio virare su altri ottimi lungometraggi presenti sulla piattaforma streaming.

Recensione a cura di Ivan Luis Sulla

Grafica a cura di Giulia Federici

#netflix #love #series #strangerthings #netflixandchill #netflixseries #movie #lacasadepapel #movies #film #like #a #edit #follow #netflixbrasil #cinema #instagram #lcdp #memes #nowinthecineme #elite #netflixmovies #art #tv #eurovisionsongcontest #lastoriadeifiresaga #edits #instagood #seriesnetflix #bhfyp



0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Voto del pubblico: 

Dì anche la tuaNon mi piaceCosì cosìPiacevoleFantasticoCapolavoroDì anche la tua