UNCHARTED | RECENSIONE DEL FILM CON TOM HOLLAND E MARK WAHLBERG

Il 17 febbraio è arrivato al cinema l’attesissimo film Uncharted, adattamento cinematografico e prequel dell’omonima serie di videogiochi sviluppati da Naughty Dog, pubblicati da Sony Computer Entertainment per PlayStation. Il lungometraggio narra le vicende del giovane Nathan Drake che, insieme a Victor Sullivan, parte alla ricerca di un misterioso tesoro perduto e di suo fratello Sam, scomparso da molto tempo. Ecco la nostra recensione.


Anno: 2022

Regista: Ruben Fleischer

Attori: Tom Holland, Mark Wahlberg, Antonio Banderas, Tati Gabrielle, Sophia Taylor Ali, Rudy Pankow

Paese: USA

Durata: 115 min

Distribuzione: Warner Bros., Sony Pictures Italia

Sceneggiatura: Art Marcum, Matt Holloway, Rafe Judkins

Fotografia: Chung Chung-hoon

Montaggio: Chris Lebenzon

Produzione: Columbia Pictures, Atlas Entertainment, Arad Productions, PlayStation Production, Ayuntamiento de Madrid, Naughty Dog, Sony Computer Entertainment America

___________________________________________________________________________________

RECENSIONE

.

.

Data di uscita in Italia: 17 febbraio 2022

.

.

Voto: 7,5

.

.

Genere: avventura, azione



Riuscire a adattare sul grande schermo un videogioco di successo è già impresa ardua, ma se ci troviamo davanti ad un adattamento rimandato più e più volte a causa di fattori vari e differenti, il compito è ancora più difficile. Il caso descritto è proprio quello che è accaduto con questo film; Uncharted è la trasposizione di un cult videoludico che è riuscita in parte e non nella sua interezza.


Il lungometraggio si presenta come una buona origin story, con una narrazione centrale che punta i riflettori sul suo protagonista Nathan Drake e sulle sue imprese iniziali. La sua caratterizzazione è ben riuscita, merito anche dell’interpretazione di Tom Holland che mescola azione e malizia, in grado di rendere il suo personaggio quello meglio riuscito e il più convincente; la sua chimica con Sully, interpretato da Mark Wahlberg, è papabile rendendo i due una coppia molto affiatata.


Le sequenze di azione sono numerose e inserite al punto giusto, realizzate con una buona CGI soprattutto nella parte iniziale del film, e soddisfano gran parte di fetta di grande pubblico che si trova irrimediabilmente coinvolto in tali sequenze e nella storia, avventurosa e movimentata, raccontata. La dinamica del trovare un qualcosa di misterioso e perduto, in ambientazioni inusuali e quasi esotiche ricorda molto la medesima modalità utilizzata in altre saghe cinematografiche di successo, come Indiana Jones e I Pirati dei Caraibi, che da sempre attraggono consenso (se ben realizzati).



Il sonoro e la scelta di musica realizzata risultano incalzanti, aumentando il brio delle sequenze più movimentate. Il resto dei personaggi però non viene presentato nel modo corretto, venendo a loro assegnato un ruolo pressoché di nicchia che rende la loro caratterizzazione abbastanza piatta. È il caso dei villain, interpretati da Antonio Banderas e Tati Gabrielle, a cui non è dato il giusto spessore e poca importanza. Grazie anche al fattore della durata, il lungometraggio è efficace e riesce a centrare l’obiettivo di coinvolgere, divertire e far dimenticare per un breve lasso di tempo quello che si trova all’infuori della sala cinematografica.

0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Voto del pubblico: 

Dì anche la tuaNon mi piaceCosì cosìPiacevoleFantasticoCapolavoroDì anche la tua