The Lost City | La divertente avventura con Sandra Bullock e Channing Tatum.

Una famosa scrittrice di romanzi rosa viene rapita da un miliardario convinto che la donna possa svelare un antico mistero per trovare una città perduta e il suo inestimabile tesoro.



Paese di produzione: Stati Uniti d'America

Anno: 2022

Durata: 120 min

Genere: azione, commedia, sentimentale, avventura

Regia: Aaron e Adam Nee

Soggetto: Seth Gordon

Sceneggiatura: Aaron e Adam Nee, Oren Uziel, Dana Fox

Produttore: Seth Gordon, Sandra Bullock, Liza Chasin

Produttore esecutivo: Margaret Chernin, Julia Gunn, Jonathan Hook

Casa di produzione: 3dot productions, Exhibit A, Fortis Films

Distribuzione in italiano: Eagle Pictures

Fotografia: Jonathan Sela

Montaggio: Craig Alpert

Musiche: Pinar Toprak

Scenografia: Jim Bissell

Costumi: Marlene Stewart

Cast: Sandra Bullock, Channing Tatum, Daniel Radcliffe, Brad Pitt, Patti Harrison, Oscar Nuñez, Raymond Lee, Da'Vine Joy Randolph.

 

Recensione


Voto: 6.5\10


L'improbabile duo formato da Sandra Bullock e Channing Tatum arriva sul grande schermo con la pellicola The Lost City.

A metà tra avventura romantica e commedia, The Lost City presenta tutti i clichè del genere: un luogo lontano e sconosciuto, una damigella in pericolo, un eroe possente pronto a salvarla e un mistero da risolvere. Confermando quindi tutti questi elementi, la pellicola punta poi a stravolgerli, con una buona dose di umorismo, che seppur sfiora il demenziale, riesce a intrattenere.

L'antagonista interpretato da Daniel Radcliffe non ha alcunchè di cattivo, se non soldi a non finire, l'eroe Channing Tatum è in realtà colui che bisogno di aiuto per salvarsi e la protagonista, interpretata dalla Bullock sembra aver ben chiara l'intera situazione, riuscendo a pensare sempre a mente lucida e rivelandosi come un personaggio intelligente e più sveglio di come lei stessa vuole apparire, concludendo un buon arco narrativo e formativo, inaspettato per il genere.



Per la prima parte la narrazione procede piacevolmente, con la giusta combinazione di stunt e umorismo ma nel momento in cui la sceneggiatura si accinge verso l'atto finale, la combinazione dei generi inizia a stonare, soprattutto con l'introduzione - forse in ritardo - dell'effettiva città perduta.

Così, il genere avventura viene disturbato da battute prevedibili e non più in armonia con la narrazione, risultando effettivamente come un fattore di disturbo, anche in riferimento all'eccessiva durata.


In conclusione, The Lost City è un prodotto che si può considerare riuscito, con un buon cast, in sintonia e ben scritto, e una giuste dose di avventura che diventa prominente nella seconda parte, forzando eccessivamente l'elemento umoristico.

The Lost City rimane una pellicola d'intrattenimento che fa ciò per cui è pensato cioè, per l'appunto: intrattenere, portando anche alcuni elementi - per così dire - di novità nel trattamento degli elementi fondamentali del genere.





0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Voto del pubblico: 

Dì anche la tuaNon mi piaceCosì cosìPiacevoleFantasticoCapolavoroDì anche la tua