Ratched | Recensione

1947. L'infermiera MildredRatchedgiunge in California per entrare a far parte del team di infermieri che lavorano all'interno di un centro psichiatrico, gestito dal visionario dott. Richard Hanover, dove vengono attuate sperimentali pratiche molto cruente per curare la mente umana.

Genere:Horror

Ideatore:Evan Romansky

Attori:Sarah Paulson, Finn Wittrock, Cynthia Nixon, Jon Jon Briones, Charlie Carver, Judy Davis, Sharon Stone

Anno:2020

Paese:USA

Produzione:Ryan Murphy Productions, The Saul Zaentz Company, Touchstone Television

Durata:50 min

Stato:In produzione


Recensione:

Data di uscita in Italia 🗓️: 18 settembre 2020

Voto: 8.5/10

Genere📽: thriller, horror

Pro🔝: Ryan Murphy continua la sua collaborazione con Netflix dopo il successo di The Politician e il più recente Hollywood, con Ratched spin-off e prequel del film cult del 1976 “Qualcuno voló sul nido del cuculo”.

Ma il vero sodalizio della produzione è quello di Murphy con Sarah Paulson, che dopo aver recitato in ben 8 stagioni di American Horror Story e nella prima stagione di American Crime Story, veste i panni della sadica capo-infermiera Mildred Ratched. Ed è proprio la Paulson, con la sua magnifica interpretazione a tenere gli spettatori incollati allo schermo, mettendo in scena una complessa rappresentazione delle emozioni

confuse e allo stesso spaventosamente lucide della protagonista, portando un ritratto variopinto e mai banale.

Come altri sopraccitati lavori di Murphy, anche Ratched si adorna di un cast spettacolare che raggiunge livelli altissimi come Finn Wittrock, Jon Jon Briones e una divina Sharon Stone. Tra gli aspetti positivi è subito visibile un attento e preciso lavoro degli ambienti e dei costumi, che seguono la scia d’estetismo che avevamo già visto in Hollywood, e che giocano molto sui colori, vividi e cangianti che sembrano essere anche simbolistici nel loro uso, come l’utilizzo della luce verde ogni qual volta che un personaggio prova un sentimento iracondo. Interessanti anche alcuni espedienti narrativi che Murphy incorpora nel suo stile di regista, come il doppio piano in alcune narrazioni, con l’intento di portare una meta narrazione alla scena in questione, esempio lampante è visibile nella scena delle marionette nella sesta puntata.

Sempre rimanendo sullo stile regististo di Murphy è notevole anche la scelte di determinati movimenti di macchina che, pur non essendo sempre coerenti nel corso della serie, rafforzano determinati momenti narrativi.

Contro: Lasciando perdere alcune scene che oscillano tra il trash comico e lo splatter che sono giudicabili esclusivamente sotto un aspetto soggettivo, in base alle preferenze dello spettatore ( ma che oggettivamente sono parte dell’universo narrativo di Ryan Murphy), Ratched presenta anche alcuni difetti, che nemmeno la magnetica interpretazione della protagonista fa passare inosservati. Come American Horror Story prima di Ratched, e si cita la serie ontologica in quanto longeva e con un numero maggiore di spunti a cui far riferimento, si continua la linea “negativa” a cui Murphy e i suoi collaboratori sembrano inciampare spesso durante il processo narrativo; abbiamo infatti anche in questo caso, personaggi con un potenziale molto ampio, che però nel susseguirsi delle vicende vanno a sacrificarsi sul campo dell’evoluzione personalistica e dell’introspezione, con il risultato di avere tanti personaggi eclettici ma con poco approfondimento psicologico, primo tra tutti il personaggio di Sharon Stone che

sembra avere uno screen time contato al minimo secondo. È anche giusto sottolineare che Netflix ha già rinnovato la serie per una seconda stagione, in cui per una questione di obbligo narrativo dettato dalla forte caratterizzazione del personaggio di Mildred nel film del ’76, dovremmo vedere un’ ulteriore, e speriamo convincente, evoluzione della protagonista.

Recensione a cura di Linda Giulio

Grafiche a cura di Giulia Federici

#sarahpaulson #ahs #americanhorrorstory #ahscoven #ahsapocalypse #evanpeters #cateblanchett #ahsasylum #ahsmurderhouse #ahshotel #ahscult #ahsedit #sarahpaulsonedit #emmaroberts #ahsfx #ahsfreakshow #lanawinters #nowinthecinema #netflixit #jessicalange #codyfern #serietv #ahsroanoke #sandrabullock #americanhorrorstoryedit #billielourd #netflix #cordeliafoxx #cordeliagoode #ratched

0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Voto del pubblico: 

Dì anche la tuaNon mi piaceCosì cosìPiacevoleFantasticoCapolavoroDì anche la tua