LICORICE PIZZA | IL RITORNO DI PAUL THOMAS ANDERSON

Dopo vari rinvii, l’ultimo lo scorso gennaio, è finalmente approdato in tutte le sale cinematografiche italiane, Licorice Pizza, il nuovo film di Paul Thomas Anderson, che ritorna al cinema dopo Il filo nascosto del 2017. Candidato a tre Premi Oscar (la cui cerimonia si terrà il prossimo 27 marzo), e già vincitore di un Bafta alla Miglior sceneggiatura non originale, la pellicola ruota attorno alle vicende di Alana Kane e Gary Valentine, che nella San Fernando Valley del 1973 muovono i loro primi passi nell’amore. Ecco la nostra recensione.


Anno: 2021

Regista: Paul Thomas Anderson

Attori: Alana Haim, Cooper Hoffman, Bradley Cooper, Sean Penn, Tom Wait, Benny Safdie, Maya Rudolph, Skyler Gisondo, Mary Elizabeth Ellis, John C. Reilly, Joseph Cross

Paese: USA

Durata: 133 min

Distribuzione: Eagle Pictures

Sceneggiatura: Paul Thomas Anderson

Fotografia: Paul Thomas Anderson, Micheal Bauman

Montaggio: Andy Jurgensen

Produzione: BRON Studios, Ghoulardi Film Company

______________________________________________________________________________________________________


RECENSIONE


Data d’uscita in Italia: 17 marzo 2022

.

.

Voto: 8,5

.

.

Genere: commedia, drammatico, sentimentale




La nuova opera di Paul Thomas Anderson riesce sin dai primi minuti a catturare l’attenzione di chi guarda, e a catapultarlo indietro nel tempo direttamente negli anni ’70 nella San Fernando Valley, contea di Los Angeles, per sognare insieme ai due giovani protagonisti. Anderson torna così nello stesso luogo che era già stato teatro delle vicende di alcuni suoi precedenti lavori, come Boogie Nights e Magnolia, ma questa volta intriso di un’atmosfera differente. Non ci troviamo davanti ad un film introspettivo, impegnato o antropologico, bensì ad un racconto dai toni frivoli e leggeri che incanta.



Il titolo prende ispirazione dal nome di una catena di negozi di musica e dischi molto popolare di fine anni 60, e incornicia perfettamente il discorso narrativo, sì leggero, ma anche molto denso e grande, che dona uno spaccato vero e puro sull’adolescenza e la fatica caratterizzante quel periodo. Protagonisti della storia sono Alana, una giovane venticinquenne, e Gary, uno studente quindicenne che si invaghisce perdutamente di lei dal primo momento che lo incontra. Sono due personaggi completamente diversi tra loro, due poli opposti con ambizioni diverse, due tipologie umane quasi agli antipodi che riescono a trovare un loro equilibrio. Alana è interpretata da Alana Haim, una musicista californiana, e Gary da Cooper Hoffman, figlio del compianto Philip Seymour Hoffman (che ha collaborato molto spesso con Anderson), entrambi al loro esordio che non passa di certo inosservato.


Un film chiaramente diverso dalle consuete opere di Anderson, solitamente impegnate e a tratti complicate, ma ugualmente riuscito. La sceneggiatura è semplice ma efficace e presenta una concatenazione di eventi secondari che girano attorno ad unico fulcro: l’evoluzione del rapporto tra Alana e Gary. La fotografia, curata da Paul Thomas Anderson e Micheal Bauman, è facilmente riconoscibile ma questa volta inquadra un qualcosa di differente; siamo nell’America di primi anni ’70 dominata dalla presidenza di Nixon e da varie difficoltà e crisi, come quella energetica che viene anche affrontata nel film. La fotografia inquadra quindi un periodo di crisi costante, facendo leva sull’utilizzo di chiaro-scuri, che delineano una linea sottile tra il mondo ‘’adulto’’ e quello che i ragazzi vivono, in una sorta di loro bolla, cominciando ad accorgersi di ciò che li circonda.



Le musiche ondeggiano tra tonalità rock e pop, prese direttamente da quegli anni di cambiamenti, e insieme al sonoro, firmato da Jonny Greenwood, sanno creare la giusta atmosfera, rendendola quasi mai scontata. La regia, facilmente riconoscibile, è volutamente sporca e giocando molto su inquadrature laterali e primi piani dei protagonisti, contribuisce a crearne una loro e propria identità, inusuale e in grado di catturare ancora di più chi guarda.

0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Voto del pubblico: 

Dì anche la tuaNon mi piaceCosì cosìPiacevoleFantasticoCapolavoroDì anche la tua