ATHENA - Una rivolta nel nome della giustizia

Una tragedia moderna che narra del tentativo di una famiglia di vendicare il fratello minore. Tra chi cerca di mitigare le tensioni e chi sfocia in atti di ribellione verso forze dell’ordine, è una storia che tocca e coinvolge non solo i protagonisti ma l’intera comunità di Athena e il pubblico.

Regia:Romain Gavras

Produzione:Iconoclast (Charles-Marie Anthonioz, Mourad Belkeddar, Jean Duhamel, Nicolas Lhermitte), Lyly Films (Ladj Ly), Romain Gavras

Durata:97 min

Lingua:francese

Paese:Francia

Cast:Dali Benssalah (Abdel), Sami Slimane (Karim), Ouassini Embarek (Mokhtar), Antony Bajon (Jerome)

Sceneggiatura:Romain Gavras, Ladj Ly, Elias Belkeddar

Fotografia:Matias Boucard

Montaggio:Benjamin Weill

Musica:Generation

Recensione:

Voto:8,5/10

Athena è un film diretto da Romain Gavras, presentato alla 79esima edizione del festival del cinema di Venezia e disponibile a partire dal 23 Settembre 2022 su Netflix. La storia parla della morte del piccolo Idir, in circostanze nelle quali sembrano essere coinvolte le forze dell’ordine. Le stesse affermano di non sapere chi sia il responsabile del tragico avvenimento che scatenerà il caos nel quartiere Athena.

La banlieue francese diventa infatti teatro di scontri tra la comunità e le forze dell’ordine. I protagonisti principali della vicenda sono i tre fratelli di Idir. Abdel, di ritorno dal servizio militare, cercherà di mitigare gli scontri, ma si troverà ad affrontare una fratellanza disconnessa con i fratelli: Mokhtar coinvolto in pratiche illegali e Karim a capo della rivolta. Un quarto personaggio è Jérome, un poliziotto che viene sequestrato dai rivoltosi nel tentativo di estorcergli la verità riguardo alle circostanze in cui ha perso la vita il giovane Idir.


Tramite l’uso di lunghi piani sequenza il regista intende catapultarci, insieme ai protagonisti, in quella che appare una vera e propria tragedia greca reinterpretata in chiave moderna. Veniamo travolti dalla frenesia dello scontro, la macchina da presa ci guida attraverso il quartiere tenebroso, in tumulto e a tratti claustrofobico. Ciò che riesce a squarciare i colori cupi dei palazzi consumati dal tempo, sono i giochi di luci tra esplosioni, fumogeni e fuochi d’artificio. La sceneggiatura a opera di Ladj Lay, aveva già conquistato il pubblico ne “I miserabili”, film candidato agli Oscar nel 2020. In Athena ritorna in modo dirompente alimentando la confusione, la violenza e la tristezza di una storia che richiama alla criminalità giovanile e all’abuso di potere, situazioni estremamente attuali.

“Non si parla di film messaggio, ma di un film che vuole risvegliare emozioni e sensazioni e riguarda anche l’ascesa politica in Europa…l’intenzione del film è mostrare che ci sono sempre persone che spingeranno verso la guerra… i mezzi per arrivare al proprio fine non sono mai evidenti e pubblici… è un film che deve condurre lo spettatore in un’emozione” afferma il regista in conferenza stampa.

Convincente è anche l’interpretazione, dove vediamo l’esordio del giovane Sami Slimane, tagliente e cupo nei panni di Karim. Lo scontro nella vicenda è anche verbale; i personaggi spesso alzano la voce, per farsi sentire, per sovrastare il rumore incessante dello scontro nel costante tentativo di far valere la propria posizione.

L’opera di Gavras è una storia intima che diventa di tutti, ed è in grado di segnare gli spettatori in modo indelebile anche grazie all’utilizzo della colonna sonora che scandisce i tempi di una vicenda che sembra sospesa. A detta del regista, la partitura era già esistente ma è stata arrangiata con liriche greche le quali enfatizzano efficacemente ogni sequenza di questo scontro che si dipana nell’arco di una giornata.

La messa in scena è all’insegna della frenesia, non ci sono buoni e cattivi, tutte le azioni sembrano giustificate e il velo di mistero che aleggia sulla morte del piccolo Idir ci impedisce di prendere posizione. Riusciamo a percepire solo alcune delle tante sfumature che dominano il carattere dei personaggi e questo ci rende progressivamente sempre più coinvolti.

Athena è un film che colpisce e convince nello scompiglio della guerriglia urbana ed è un affresco, ben riuscito, di una realtà che ci appartiene.

0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Voto del pubblico: 

Dì anche la tuaNon mi piaceCosì cosìPiacevoleFantasticoCapolavoroDì anche la tua